ABRUZZO
Chieti Laquila Pescara Teramo

BASILICATA
Matera Potenza

CALABRIA
Catanzaro Cosenza Crotone Reggio Calabria Vibo Valentia

CAMPANIA
Avellino Benevento Caserta Napoli Salerno

EMILIA-ROMAGNA
Bologna Ferrara Forlì - Cesena Modena Parma Piacenza Ravenna Reggio Emilia Rimini San Marino

FRIULI-VENEZIA GIULIA
Gorizia Pordenone Trieste Udine

LAZIO
Frosinone Latina Rieti Roma Rome Viterbo

LIGURIA
Genova Imperia La Spezia Savona

LOMBARDIA
Bergamo Brescia Como Cremona Lecco Lodi Mantova Milano Monza - Brianza Monza e Brianza Pavia Sondrio Varese

MARCHE
Ancona Ascoli Piceno Fermo Macerata Pesaro-Urbino

MOLISE
Campobasso Isernia

PIEMONTE
Alessandria Asti Biella Cuneo Novara Torino Verbania Vercelli

PUGLIA
Bari Barletta-Adria-Trani Brindisi Foggia Lecce Taranto

SARDEGNA
Cagliari Carbonia-Iglesias Medio Campidano Nuoro Ogliastra Olbia-Tempio Pausania Oristano Sassari

SICILIA
Catania Palermo

SICILY
Agrigento Caltanissetta Enna Messina Ragusa Siracusa Trapani

TRENTINO ALTO ADIGE
Bolzano Trento

TUSCANY
Arezzo Firenze Grosseto Livorno Lucca Massa Carrara Pisa Pistoia Prato Siena

UMBRIA
Perugia Terni

VALLE DI AOSTA
Aosta

VENETO
Belluno Padova Rovigo Treviso Venezia Verona Vicenza
 

 

 

fate clic sulle immagini per vederle ingrandite

 
 
Facilities

Address
Via Regina Elena 88060 Gasperina (Catanzaro)
Tel. e fax
Tel. 0967 486483 Fax 0967 486439
Web
www.comune.gasperina.cz.it
E-mail 
 

 
 

Gasperina sorge su un’amena collina che si affaccia sulla costa jonica della Calabria; la collocazione geografica del paese è felicissima; dal suo abitato e dalle sue campagne si può godere la vista di panorami stupendi verso sud in direzione della provincia di Reggio Calabria fino a punta Stilo e verso nord si abbraccia tutto il golfo di Squillace e il tratto successivo di costa verso Crotone. Dal punto di vista storico, non vi sono notizie certe sulla fondazione di Gasperina; è da ritenersi, tuttavia, che il primo nucleo dell’abitato sia sorto intorno ai secoli VII-VIII d.C. ad opera di popolazioni rivierasche che, per sfuggire alle incursioni dei pirati saraceni, si spostarono dal litorale trovando rifugio nelle parti più nascoste delle prospicienti colline dalle quali era più facile scorgere il nemico, senza essere visti e, quindi, provvedere alla difesa. Le prime notizie certe risalgono all’epoca normanna e al conte Ruggero che, affascinato dalla personalità di San Brunone di Colonia, indusse questi a fondare l’eremo di Santo Stefano del Bosco, dotandolo di ricche ed estese donazioni, tra cui il casale di “Gasparrina”. Da quel momento la storia di Gasperina si lega indissolubilmente a quella della Certosa di Serra San Bruno e, per secoli, ne seguirà le vicende. Fatto di certa importanza fu la costruzione del Monastero di S. Giacomo detto anche “Grancia di Sant’Anna”, dal nome della collina sulla quale fu eretto, al limite del confine dei territori di Montauro e Gasperina. Le disposizioni del Conte Ruggero furono poi rinnovate dagli altri sovrani normanni, dagli Svevi e poi ancora da Carlo V d’Asburgo e da Carlo II di Spagna. La storia di Gasperina si intreccia, per altri versi, con quella del Principato di Squillace. Infatti, nel 1497, la comunità di Gasperina finì, insieme a tanti altri casali, sotto la potestà di Goffredo Borgia della casata di Papa Alessandro VI e sposo di Sancia, figlia di Alfonso II. Dopo alterne vicende e dopo il catastrofico terremoto del 1783, l’immensa proprietà del monastero venne incamerata dal governo dell’epoca e in seguito, nel 1819, ceduta a vari acquirenti. In anni ancora successivi la comunità di Gasperina, divenuta autonoma, in virtù dell’antico prestigio e forte dei suoi valori spirituali e morali, quale sede naturale di incontri, traffici, commerci, attività artigianali e rurali, diviene Capitale di Mandamento ed è sede di numerosi uffici periferici dello Stato (Giustizia con la Pretura, Finanza, Lavoro, Difesa con la Leva, ecc.) In epoche recenti, Gasperina ha seguito le vicende che, dal punto di vista politico, sociale, economico, hanno caratterizzato tutto il Mezzogiorno d’Italia: crisi, emigrazione massiccia, spopolamento. Pur tuttavia tanti suoi figli si sono fatti onore nei vari campi della cultura, della scienza, delle attività socio-economiche. L’auspicio che tutti i suoi abitanti possono e debbono fare è che Gasperina ritrovi il concorde contributo delle sue forze migliori, per quel rilancio sociale, economico, culturale, per costruire quell’avvenire di sempre maggior progresso e civiltà che sicuramente essa merita.

 
 
 

 

Informativa privacy | dati fiscali
Win S.r.l. - WinEuropa Group - Un solo Partner Tutte le soluzioni
Win S.r.l. - Via Senese Aretina, 226 - 52037 Sansepolcro (AR) ITALY
Tel. +39 0575 740891 - Fax  +39 0575 720080 - E-mail: webmaster@wineuropa.it
Copyright Arch. F. Venturucci 2003 - 2007 Powered by Win S.r.l. Vietata la Riproduzione