Oggi visitiamo "Parco Sasso Simone e Simoncello"

Il Parco Naturale del Sasso Simone e Simoncello, di 4.847 ettari, è situato nella Provincia di Pesaro, ai confini con l' omonima riserva naturale toscana, che ricade nel comune di Sestino (AR); compreso nell' antico territorio del Montefeltro, dista 40 km dalla costa romagnola. Il paesaggio, collinare-montuoso, è interessato dai rilievi dei Sassi Simone e Simoncello, Monte Canale, Monte Palazzolo con quote comprese tra i 670 m s.l.m. e i 1415 m s.l.m. del monte Carpegna,

vetta del parco e spartiacque tra la Valle del Foglia e la Val Marecchia. Il Parco è nato per tutelare un territorio di straordinaria valenza paesaggistica e naturalistica. La grande foresta di cerri, l'imponente mole dei due Sassi e del Monte Carpegna, la vivacità del paesaggio inserito in un complesso contesto geologico e la varietà di ambienti naturali tramandano al Parco ed ai suoi visitatori un prezioso patrimonio da custodire gelosamente. La Natura del Parco con i suoi abitanti e il silenzio animato dei boschi, dei prati e delle zone ecotonali sono capaci di sorprendere ed affascinare anche il più distratto tra gli escursionisti. Ma è solo con il cambio delle stagioni che si può veramente apprezzare la bellezza dell'ambiente del Parco: la primavera porta sui prati i colori delle fioriture di orchidee selvatiche, l'estate è rigogliosa nel verde dei boschi, l'autunno profuma di funghi e muschi mentre l'inverno ricopre il paesaggio con un candido manto nevoso presto violato dalle tracce degli animali selvatici.
Le vicende storiche del territorio del Parco sono legate all' antico Montefeltro ed alle fortificazioni, alle torri, ai castelli, alle chiese ed alle pievi che sorgevano in gran numero e che, ancora oggi, sfoggiano la loro bellezza.
Il Parco Faunistico si trova in località Pian dei Prati, al margine orientale della cerreta dei Sassi; questo è compreso in un'area di 5,5 ettari e presenta prati, zone con cespugli di biancospino, ginestre e prugnoli, siepi e piccoli boschetti, a lato del torrente Seminico. Il percorso all'interno del Parco Faunistico comprende tre tappe fondamentali: la prima riguarda la conoscenza degli animali domestici da bassa corte come capre, pecore, muli, animali dai quali un tempo, le famiglie contadine della zona, ricavavano latte, carne e forza lavoro, risorse fondamentali al sostentamento quotidiano. La seconda tappa consente ai visitatori l'osservazione ravvicinata di animali selvatici tenuti in libertà per tutto il Parco Faunistico: i caprioli hanno di che nutrirsi nelle radure e nel sottobosco mentre rane, rospi, tritoni trovano il loro ambiente naturale negli stagni disposti lungo il sentiero. Il percorso si conclude con l'arrivo ad un punto di osservazione esterno al Parco Faunistico da dove, con un po' di fortuna e osservando un comportamento del tutto rispettoso della quiete del luogo, è possibile osservare i cinghiali, in completa libertà.
Il giardino botanico di San Silvestro è situato a Ponte Cappuccini, nel Comune di Pietrarubbia, di fronte al Centro Visite ed adiacente al Convento dei Frati Cappuccini.
Si tratta di una piccola superficie che ospita, già da diversi anni, un patrimonio vegetale autoctono composto da piante arboree ed arbustive oltre che da diverse essenze erbacee. Al suo interno, sono state sistemate anche diverse cassette nido per uccelli; questi trovano qui un ambiente ideale per la nidificazione, ricco di frutti e bacche di cui nutrirsi.
Tratto dal sito ufficiale della regione Le Marche -
Parco Sasso Simone e Simoncello

Benvenuti nella sezione "Informazioni turistiche", qui troverete tutte le indicazioni su:

  • Benessere
  • Comuni
  • Musei
  • Viaggi

e altre strutture in cui potrete trascorrere i vostri momenti di vacanza e relax.

Trovate sul menù a sinistra le regioni che sono state attivate