Oggi visitiamo "Parco del Delta del Po"

E' il più esteso fra i Parchi Regionali, occupa un importantissima porzione del territorio della Regione Emilia-Romagna a partire a nord dal corso del Po di Goro, si sviluppa sino a ricomprendere tutto il delta storico del fiume Po e le foci di alcuni fiumi appenninici quali il Reno, il Lamone. i Fiumi Uniti, il Bevano e zone umide salmastre site lungo la costa adriatica e nell' immediato

entroterra, quali la Sacca di Goro, le Valli di Comacchio, le Piallasse Ravennati, le Saline di Cervia, le zone umide interne di acqua dolce delle Valli di Campotto, boschi e pinete come il Bosco della Mesola e la Pineta di San Vitale. Ricchissima è anche la dotazione di importanti monumenti: l'Abbazia di Pomposa, S. Apollinare in Classe, chiaviche e manufatti di regolamentazione idraulica, gli stessi centri storici di Mesola, Comacchio, Ravenna e Cervia.
Il Parco Regionale del Delta del Po è stato istituito nel 1989 dalla Regione Emilia-Romagna, per tutelare e valorizzare uno degli ambienti naturali più ricchi ed interessanti di tutto il territorio nazionale. Esso comprende la parte meridionale dell'attuale delta padano, il "delta storico", nonché una vasta porzione di zone umide collocate più a Sud, di grande interesse dal punto di vista naturalistico. Il visitatore si stupirà di fronte alla grande varietà di ambienti e di attrattive culturali offerti da questo estremo lembo della pianura padana: si ritrovano quì, I'uno accanto all'altro, i relitti della primitiva macchia mediterranea ed il bosco igrofilo che ombreggiava l' antica Padusa; le lagune litoranee, le valli salmastre e le zone umide di acqua dolce; le vestigia etrusche e romane, gli splendori dei mosaici bizantini e le suggestioni dell'architettura benedettina ed estense. Risulta subito evidente che l' opera della natura ed il lavoro dell'uomo si sono intrecciati nel corso dei millenni, per dar forma a questo territorio sempre mutabile. Fino a pochi decenni fa, infatti, bastava una piena del fiume o una mareggiata violenta, per modificare gli incerti confini tra l' emerso ed il sommerso. Nonostante una simile estrema provvisorietà, gli insediamenti umani nel delta recano date antichissime.
Queste terre hanno avuto origine dal continuo e copioso apporto di detriti, depositati dalle acque del Po e dei suoi affluenti nel corso di migliaia e migliaia di anni, con il conseguente, progressivo spostamento ad Est della linea di costa del mare Adriatico. La foce del grande fiume porta traccia storica di popolamenti fin dalla seconda età del ferro.
Nonostante il passaggio di innumerevoli secoli storia, permangono tuttora vasti comparti in cui il visitatore ritrova le suggestioni di un tempo, in un contesto dominato dal tema dell' acqua, eppure ricco di grandi varietà ambientali, floro-faunistiche e storico-artistiche.
Ecco allora il bosco litoraneo della Mesola, le sacche, i canneti, le dune e le lagune di Goro e di Volano; le pialasse della Baiona e del Piombone, le valli salmastre dell' intorno comacchiese e le saline di Cervia; il bosco igrofilo e le zone umide d' acqua dolce di Campotto d'Argenta e di Punte Alberete, le antiche pinete di Ravenna e di Cervia e quelle più recenti di Mesola e Volano. Nella piatta distesa dell' estrema pianura padana si nascondono quindi innumerevoli sorprese. La millenaria interazione tra le forze della natura ed il lavoro dell' uomo ha costruito un ambiente che dimostra come sia possibile coniugare efficacemente insediamenti e attività umane, con comparti di elevatissimo pregio naturalistico. Il Parco del Delta del Po rappresenta in questo senso una sfida importante.
Esso ha infatti l' ambizione di proporsi come un laboratorio nel quale si sperimenta la possibilità di riconciliare l'uomo e la natura, di cui la nostra specie essenzialmente partecipa, in un unico, armonioso sistema vivente.
Tratto dal sito della regione Emilia Romagna -
Parco Regionale del Corno alle Scale

Benvenuti nella sezione "Informazioni turistiche", qui troverete tutte le indicazioni su:

  • Benessere
  • Comuni
  • Musei
  • Viaggi

e altre strutture in cui potrete trascorrere i vostri momenti di vacanza e relax.

Trovate sul menù a sinistra le regioni che sono state attivate